Emme come Marta

La mia mamma ha ucciso il mio papà, o forse era il contrario. No: la mamma viene prima del...

Letteratura e identità. Ricordo di Vincenzo Testo

Chi narra il narratore? Abbiamo fatto il nostro tempo – Vincenzo Testo   Suppergiù nel 1999, i giovani più...

Anita

Ho conosciuto Anita in un tempo mitico, reso sacro dalle infinite varianti di chi assieme a me l’ha raccontato...

Conversazioni con gli Sciamani – Donato Novellini

Donato Novellini è l’autore di Bar, un libro di racconti pubblicato dalla casa editrice Giometti & Antonello. (Per chi...

Il capolavoro

«Sarà vero?» domandò lei, fissando l’uomo che batteva i pugni contro il vetro. Sembrerà strano, ma era quello su...
Crapula Edizioni
Emme come Marta
letteratura e altri buchi
Letteratura e identità. Ricordo di Vincenzo Testo
Crapula Edizioni
Anita
letteratura e altri buchi
Conversazioni con gli Sciamani – Donato Novellini
Crapula Edizioni
Il capolavoro
Crapula Edizioni

Emme come Marta

La mia mamma ha ucciso il mio papà, o forse era il contrario. No: la mamma viene prima del papà. Uno dei due comunque è finito in prigione e l’altro è morto. No: uno è morto e l’altro è finito in prigione. La morte viene prima della prigione. Io ora vivo dalla zia. La zia Mia è gentile con me, anche se non capisce che non deve toccare le mie cose. E non lo capisce nemmeno Nadia, la domestica, che…

Leggi tutto
Articoli correlati
Il capolavoro
8 Maggio 2019
La morte di Raimundo
27 Marzo 2019
Lo giuro
2 Marzo 2019
letteratura e altri buchi

Letteratura e identità. Ricordo di Vincenzo Testo

Chi narra il narratore? Abbiamo fatto il nostro tempo – Vincenzo Testo   Suppergiù nel 1999, i giovani più istruiti e al passo con i tempi smisero di leggere romanzi. Abbandonarono sia la buona vecchia narrativa edificante, sia le astruse scritture di avanguardia. In quel momento, con le parole di Sloterdijk, la letteratura diventò una subcultura. Gli autori che non se ne accorsero furono relegati nella c.d. “narrativa ombelicale”, spregiativo di sapore stalinista venuto di moda dopo la reazione di…

Leggi tutto
Articoli correlati
Cometa, di Gregorio Magini
4 Giugno 2018
Baroncelli: ritratto in cinque vite e due o tre favole
21 Febbraio 2018
I felpati
10 Maggio 2017
Crapula Edizioni

Anita

Ho conosciuto Anita in un tempo mitico, reso sacro dalle infinite varianti di chi assieme a me l’ha raccontato giorno dopo giorno senza requie, finendo per illudersi di averlo vissuto. Potrei dire che sono passati quindici anni da quando mi ha rivolto il suo primo sguardo, ma è una durata simbolica. Sottolineo che si è trattato di sguardi prima di tutto, poi di parole, un flusso continuo di cui solo ora avverto la vertigine. Aveva un modo strano di parlare,…

Leggi tutto
Articoli correlati
La cosmologia dell’assenza
3 Maggio 2019
Manifesto per una lega dei cuori gentili
31 Ottobre 2018
L’invaso
25 Settembre 2018
letteratura e altri buchi

Conversazioni con gli Sciamani – Donato Novellini

Donato Novellini è l’autore di Bar, un libro di racconti pubblicato dalla casa editrice Giometti & Antonello. (Per chi voglia sapere cosa penso, più approfonditamente, di questo libro, può consultare questo pezzo che ho scritto per «Cattedrale, l’osservatorio sul racconto»). Donato è un artista e performer mantovano. Ha vissuto diverse esperienze in questo campo, esponendo in molti spazi le sue opere. Ha scritto di design, musica, critica letteraria e cura rubriche che parlano di qualunque cosa. Sì, di qualunque cosa…

Leggi tutto
Articoli correlati
Nella Voragine
12 Aprile 2019
Hamletica 2018
12 Aprile 2019
Sul canto smisurato delle balene
12 Aprile 2019
Crapula Edizioni

Il capolavoro

«Sarà vero?» domandò lei, fissando l’uomo che batteva i pugni contro il vetro. Sembrerà strano, ma era quello su cui m’interrogavo anch’io da quando eravamo entrati nel museo. Nell’ultima mezz’ora avevamo ammirato un alce sotto formalina, caschi di banane che straripavano da un furgoncino, un teschio umano coperto da orsetti gommosi. Era tutto finto? A quanto lessi, le banane erano di resina, e così gli orsetti gommosi. Ma il bestione con le corna arrivava dritto dalle foreste finlandesi, e il…

Leggi tutto
Articoli correlati
Emme come Marta
24 Maggio 2019
La morte di Raimundo
27 Marzo 2019
Lo giuro
2 Marzo 2019
Crapula Edizioni

La cosmologia dell’assenza

C’è una casa disfatta, all’incrocio di due strade, ci abitava uno che da bambino voleva essere un fantasma. Sua madre, in principio, fu colei che del ghiribizzo sospettò qualcosa, quando la mattina cominciò a trovare il letto del figliolo sempre intatto e il pigiama sempre impolverato, poi suo padre, una notte, che costretto alla veglia da un odioso virus intestinale registrò, raggiungendo il bagno, dei rumori venire dal soggiorno, e giunto che fu in sala vide il piccolo, coperto da…

Leggi tutto
Articoli correlati
Anita
13 Maggio 2019
SciaquaRosa
20 Marzo 2019
Architetture minimali
12 Dicembre 2018
letteratura e altri buchi

Esercizio di sabotaggio #4: GUDISK

Occasione: 1 maggio Giornata Ufficiale Degli Imperterriti Studi Kafkiani (GUDISK, 2015 – ?) Tema dell’esercizio: come agisce la combinazione?[1] Svolgimento. Troverai a destra delle case di Ade una fonte, e accanto alla stessa bianco un cipresso che sta dritto: a questa fonte non accostarti vicino. Oltre troverai l’acqua che scorre fredda dalla palude della Legge: davanti alla legge sta un guardiano. Questo ti chiederà per quale desiderio giungi. E tu, venuto dalla campagna, non ti eri aspettato tutte queste difficoltà; pensi…

Leggi tutto
Articoli correlati
Alienati nell’analogia
16 Aprile 2019
Esercizio di sabotaggio #3
22 Marzo 2019
La versione dei Propedeuti
26 Febbraio 2019
Crapula Edizioni

Due momenti della fase pupale di Mattia

Anna Non ne sapevo niente ancora quella mattina, anche se a fare due più due ci ho messo poco, nelle settimane seguenti: i tg cominciavano a parlarne, raccontavano cose, ma senza immagini perché erano da vergognarsene. Le immagini me le facevo io in testa, in ogni momento della giornata, a ogni gesto, come una sovrapposizione alla vista, ed era vergogna e dolore, tanto. Buongiorno signora, siamo qui per suo figlio, mi hanno detto sulla porta i carabinieri, quella mattina. Erano…

Leggi tutto
Articoli correlati
Il sifone perdeva da cinque giorni
20 Aprile 2018
Il surplus
23 Febbraio 2018
letteratura e altri buchi

Il cadavere di Nino Sciarra

È una geografia singolare, familiare e al contempo inconsueta, quella che Davide Morganti delinea in Il cadavere di Nino Sciarra non è ancora stato trovato, Wojtek, gennaio 2019. Due fratelli siciliani, trasferitisi nella provincia di Napoli (Napoli nord), sono morti; il cadavere dell’uno è stato ritrovato immediatamente, quello dell’altro, di Nino, non ancora. L’io narrante ha il compito di cercarne il corpo: è un inganno, non c’è alcuna indagine, nessun caso Sciarra da risolvere, cui sembrerebbe invece alludere il titolo…

Leggi tutto
Articoli correlati
Tu che eri ogni ragazza
21 Novembre 2018
letteratura e altri buchi

Rottami, Interferenze, «Fringe»

Per gentile concessione di Adelphi edizioni, CrapulaClub è lieta di ospitare Rottami, Interferenze, « Fringe », postfazione di Roberto Francavilla a Clarice Lispector, Un soffio di vita, Adelphi, aprile 2019. *** La complessità di questa tormentata rapsodia clariciana provoca rovelli ermeneutici la cui verifica esula da questa sede. Tuttavia, per provare a illuminare i luoghi del testo contaminati da una creatività linguisticamente sovversiva e dove si rasenta perfino il torbido limbo dell’illeggibilità, il traduttore sente il dovere di compilare un…

Leggi tutto
Articoli correlati
Compulsion di Meyer Levin
11 Giugno 2018
Apocalittici e attuali
12 Febbraio 2018
Nella perfida terra di Dio
18 Settembre 2017