Los sorias – Capitolo 1

Di Alberto Laiseca, traduzione a cura di Raul Schenardi; per gentile concessione dell’editore Simurg. * “I nemici di stanza”...

Alberto Laiseca, autore de «Los sorias»

Benché di seta si vesta, soria sempre soria resta. (Alberto Laiseca, “Lo stabilimento balneare dei vagabondi”)   La nostra...

Al Direttorio, discioltosi in data 30 giugno 2019

Entre Rios Tigres y Eufrates 6 gennaio 2019 in risposta alla Lettera ai maggiorenti della Litweb   Al Direttorio,...

Sciopero del racconto – #1 comunicato: COS’È QUESTO GOLPE?

Discioltosi il Direttorio come miraggio nella notte, facendone noi le veci in CrapulaClub (dal 1 luglio 2019 de iure,...

Istruzioni per CrapulaClub, 2008[10]-†2019†

Pudenda origo, pudendus finis (su un muro di Vacca Pezzata) *** Un tempo, se ben ricordo *** Quando di...
Internacional, letteratura e altri buchi
Los sorias – Capitolo 1
letteratura e altri buchi
Alberto Laiseca, autore de «Los sorias»
Lupus in Crapula
Al Direttorio, discioltosi in data 30 giugno 2019
letteratura e altri buchi
Sciopero del racconto – #1 comunicato: COS’È QUESTO GOLPE?
Lupus in Crapula
Istruzioni per CrapulaClub, 2008[10]-†2019†
letteratura e altri buchi

Alberto Laiseca, autore de «Los sorias»In Evidenza

Benché di seta si vesta, soria sempre soria resta. (Alberto Laiseca, “Lo stabilimento balneare dei vagabondi”)   La nostra ultima parola è un gesto: questo è il nostro paradosso. Ed è anche la nostra fortuna: questo gesto infatti è un omaggio – un dossier monografico su Alberto Laiseca, autore di Matando enanos a garrotazos, Su turno para morir, El jardín de las máquinas parlantes, Por favor, ¡plágienme!, Poemas chinos, Aventuras de un novelista atonal e, tra le altre cose, Los…

Leggi tutto
Articoli correlati
Los sorias – Capitolo 1
20 Novembre 2019
Apparato di sabotaggio: la versione Gomez
24 Febbraio 1989
Laiseca: nota biobibliografica
24 Febbraio 1989
Internacional, letteratura e altri buchi

Los sorias – Capitolo 1

Di Alberto Laiseca, traduzione a cura di Raul Schenardi; per gentile concessione dell’editore Simurg. * “I nemici di stanza” Quando Personaggio Iseka aprì gli occhi quella mattina, la prima cosa che vide fu un Soria. Ma non Luis, quello che aveva vicino, bensì il più lontano: Juan Carlos Soria. «Questo Soria, quando si alza la mattina», pensò Iseka «lo fa alla maniera di una lezione magistrale, senza discussione, come si usava nelle facoltà in passato. Ottimista d’un balzo. Io no….

Leggi tutto
Articoli correlati
Alberto Laiseca, autore de «Los sorias»
20 Novembre 2019
La morte di Raimundo
27 Marzo 2019
Cambio di funzione
7 Novembre 2018
Lupus in Crapula

Al Direttorio, discioltosi in data 30 giugno 2019

Entre Rios Tigres y Eufrates 6 gennaio 2019 in risposta alla Lettera ai maggiorenti della Litweb   Al Direttorio, disciolto in data 30 giugno 2019 Se esistessero beni ereditabili, ne sarei venuto a conoscenza. La palestra, il ponte – che cosa sono? Proiezioni, parlando nel gergo della psicologia. Finzioni, parlando in quello della letteratura. Niente, in quello della laminetta ritrovata a Farsalo. Questo non era un luogo ma un processo e ora è slittato altrove? Consideriamo invece che le mauvais…

Leggi tutto
Articoli correlati
Tre versioni di Teofrasto
28 Giugno 2019
Apparato di sabotaggio: la versione Gomez
24 Febbraio 1989
letteratura e altri buchi

Sciopero del racconto – #1 comunicato: COS’È QUESTO GOLPE?

Discioltosi il Direttorio come miraggio nella notte, facendone noi le veci in CrapulaClub (dal 1 luglio 2019 de iure, ma non prendiamoci in giro: dall’11 settembre 2001), aderiamo (come collant all’alba) all’iniziativa di Nuova Edizione: da oggi sabato 12 ottobre 2019 è sciopero del racconto. Chi volesse scrivere forme brevi ci segua nel DOJO di Caianello (6 volte l’anno invece in quello di San Lollo). Chi volesse visualizzare il comunicato di Nuova Edizione in pdf clicchi invece sulla parola GOLPE.    …

Leggi tutto
Lupus in Crapula

Istruzioni per CrapulaClub, 2008[10]-†2019†

Pudenda origo, pudendus finis[1] (su un muro di Vacca Pezzata) *** Un tempo, se ben ricordo *** Quando di ritorno dalle schiere degli aborti di senso (frammento di frammento, primo vagito nella lingua dei Titani)[2] *** Ogni idea, spinta all’estremo, è un pensiero della morte. (Godersi il pianto 1. Il caso di Achille ai giochi per Patroclo chiappe d’oro, T.W. Omero) *** Un lungo travaglio ha preceduto – ai posteri si demanda la realizzazione di ogni teleologia, agli aruspici e…

Leggi tutto
Lupus in Crapula

Tre versioni di Teofrasto

Il postino bussa sempre a Teofrasto: prefigurazione di Gomez.   Istruzioni preliminari.  Disseppellita la biblioteca di Aristotele, i libri di filosofia prima sono rinvenuti dopo i libri sulla fisica (meta ta fusika) (cfr. Luciano Canfora, La biblioteca scomparsa, Sellerio, 1986). Tuttavia ascoltiamo i posteri: “I posteri diedero all’espressione significati ben più pregnanti e profondi” (Giovanni Reale nell’introduzione alla Metafisica, Bompiani, 2000, p. IX). Ricordiamo, in merito ai significati “più pregnanti e profondi” (sopra-sensibile, anti-mondo, sopra-fisica), che nessun greco antico ha…

Leggi tutto
Articoli correlati
Al Direttorio, discioltosi in data 30 giugno 2019
18 Novembre 2019
The river man
10 Febbraio 2017
Metafisica, critica, fenomenologia
14 Settembre 2015
Crapula Edizioni

Huìkě

È bene parlare solo quando si deve dire qualcosa che valga più del silenzio. Abate Dinouart, L’arte di tacere   Il refolo di aria gelida che soffia poi smuore. L’attimo di quiete prima del nuovo buffare del freddo. Sul versante settentrionale del monte Sōngshān, a qualche giorno di cammino dalla capitale. Una parete bianca. Neve finissima. Il rituale dell’inverno. L’edificio centrale dello Shàolín-sì è un corpo di carne e sangue. Il viso indigeno, immobile. Una struttura ferma nell’eternità, un’ossatura senza…

Leggi tutto
Articoli correlati
Spazzaturaburger
17 Giugno 2019
Emme come Marta
24 Maggio 2019
Conversazioni con gli Sciamani – Donato Novellini
10 Maggio 2019
Crapula Edizioni

Rerum Habyssalium Archivum

Scoviamo nell’internet e ripubblichiamo questa cosa, probabilmente uno scherzo o un’operazione al limite dello shitposting. Il nome sembrerebbe essere Rerum Habyssalium Archivum, sive Opera Minor: Archivio di Cose Abissali, ovvero l’Opera Minore. Vengono presentate come intercettazioni satellitari e, nonostante la qualità compromessa, se ne riesce a cogliere l’autorità della forma-voce, che attraverso una narrazione rituale agisce e di quello che pare un delirio di violenza – e di liberazione e rinascita: terrificante, come tale – fa storiografia. Di fatto sono…

Leggi tutto
Articoli correlati
Nel continuo tentativo di riposizionamento rispetto all’ignoto
27 Settembre 2018
Maurice Blanchot e l’esperienza della scrittura
17 Febbraio 2018
Idiot Verse
8 Gennaio 2018
Crapula Edizioni

6x6x6 – Variazioni Jorge

Qui davanti avete un cubo magico. Proprio un cubo di 6 facce: su ognuna di esse, 6 poligoni; ogni poligono ha esattamente 6 lati. Un cubo impossibile – queste le premesse.  Prima faccia: Variazioni Augusto – è qui. Seconda faccia: Variazioni Ernest al link. Terza e ultima faccia: vedi sotto. *** Jorge Luis Borges scriveva solo racconti. Ha scritto quasi solo racconti: quasi. Quel quasi fa una grande differenza. Borges, si sa, era anche un poeta. Ma non è questo il punto:…

Leggi tutto
Articoli correlati
6x6x6 – Variazioni Ernest
19 Aprile 2019
6x6x6 – Variazioni Augusto
25 Febbraio 2019
Variazione sul tema del ritorno
11 Febbraio 2019
Crapula Edizioni

Spazzaturaburger

Chiedere a una donna di uscire con te non è la cosa più facile del mondo. Primi appuntamenti spesso finiscono come ultimi appuntamenti. La storia diventa ancora più problematica se dici a una appena incontrata che fai il netturbino. Nutrivo speranze con Wanda Melton perché ci conoscemmo attraverso lo smaltimento di rifiuti. Wanda si sporse dalla finestra una mattina presto e fischiò. Indossava una camicia da notte di garza e basta. Non era più giovanissima. Mi chiese di venire di sopra…

Leggi tutto
Articoli correlati
Huìkě
24 Giugno 2019
Emme come Marta
24 Maggio 2019
Il capolavoro
8 Maggio 2019