Come se ti avessero tagliato una gamba

…ancora mi durano oggi le vestigia evidentissime degli affetti passati, ai quali non manca per ridar su altro...

L’orto asociale

Sono andato a vederlo in una soleggiata mattina di fine marzo. La primavera era alle porte. E tutto sembrava...

L’invenzione delle tasche

Tutti sognano di volare, di macchiare con la loro piccola ombra le città e le campagne e festeggiare la...

Nostro fratello Timoteo è stato messo in libertà

Verranno a prenderti, così hanno detto e non c’è motivo di dubitare della loro parola. Bisogna soltanto aspettare e...

“Un marito” di Michele Vaccari: la comunità degli sposi

L’amore è un affare misterioso e ineffabile al quale il matrimonio regala una struttura, una serie di  puntelli quotidiani...
Crapula Edizioni
Come se ti avessero tagliato una gamba
Crapula Edizioni
L’orto asociale
Crapula Edizioni
L’invenzione delle tasche
Crapula Edizioni
Nostro fratello Timoteo è stato messo in libertà
letteratura e altri buchi
“Un marito” di Michele Vaccari: la comunità degli sposi
Crapula Edizioni

Come se ti avessero tagliato una gamba

…ancora mi durano oggi […] le vestigia evidentissime degli affetti passati, ai quali non manca per ridar su altro che l’occasione. [G. Leopardi, Zibaldone di pensieri] Poi arriva, all’improvviso, e tutti gli strani pezzi di incomprensibilità non visti o non voluti vedere cominciano a girare nella testa e a ricomporsi, uno alla volta, due alla volta, rappresentando un’immagine già intuita ma che non avresti mai voluto aspettarti, che tutto sommato non ti aspettavi, non pensavi ci fosse davvero. La Fine…

Leggi tutto
Articoli correlati
L’orto asociale
17 novembre 2018
L’invenzione delle tasche
16 novembre 2018
Santuario
9 novembre 2018
Crapula Edizioni

L’orto asociale

Sono andato a vederlo in una soleggiata mattina di fine marzo. La primavera era alle porte. E tutto sembrava così bello, a tratti poetico. Il mio piccolo appezzamento in mezzo a tanti altri piccoli appezzamenti, ai margini della città che ti annerisce i polmoni. Una cosa figa, insomma. Osservavo quell’angolo di terra incolta come se fosse l’ecografia di un futuro figlio. Sarà il mio bambino, ho pensato subito. Il tizio dell’associazione che me l’ha fatto vedere, in quella bella mattinata…

Leggi tutto
Articoli correlati
Come se ti avessero tagliato una gamba
19 novembre 2018
L’invenzione delle tasche
16 novembre 2018
Santuario
9 novembre 2018
Crapula Edizioni

L’invenzione delle tasche

Tutti sognano di volare, di macchiare con la loro piccola ombra le città e le campagne e festeggiare la fuga dalla schiavitù della terra; si innalzano verso le nuvole, le attraversano e proseguono la gloriosa ascensione, per superare i limiti come il famoso gabbiano di un vecchio romanzo. Io invece affondo negli abissi. Mi immergo per centinaia di metri nelle buie profondità dove posso solo intuire le sagome dei pesci abissali, che nuotano indifferenti, mentre continuo a calare nell’oblio di…

Leggi tutto
Articoli correlati
Come se ti avessero tagliato una gamba
19 novembre 2018
L’orto asociale
17 novembre 2018
Santuario
9 novembre 2018
Crapula Edizioni

Nostro fratello Timoteo è stato messo in libertà

Verranno a prenderti, così hanno detto e non c’è motivo di dubitare della loro parola. Bisogna soltanto aspettare e loro verranno, probabilmente di notte perché non è sicuro uscire allo scoperto di questi tempi. Ci sono telecamere ovunque e le telecamere portano tutte nelle stanze del potere. Il potere è pericoloso, meglio starne alla larga. Ti verranno a prendere, non si lascia mai solo un fratello. Ricordi, vero? Questa stanza è piccola e buia. La finestra è aperta, soltanto perché…

Leggi tutto
Articoli correlati
Le vite parallele
10 novembre 2018
Artico nero e Neghentopia di Meschiari: dall’antropofiction alla fiction
5 novembre 2018
Come tutti gli altri
24 ottobre 2018
letteratura e altri buchi

“Un marito” di Michele Vaccari: la comunità degli sposi

L’amore è un affare misterioso e ineffabile al quale il matrimonio regala una struttura, una serie di  puntelli quotidiani che, se da un lato lo fortificano, dall’altro lo ingabbiano. Un marito di Michele Vaccari è la storia di una gabbia costruita con cura e consapevolezza, una cella d’amore condivisa, difesa fino allo stremo e poi scoppiata proprio quando i protagonisti, Ferdinando e Patrizia, decidono di fare qualcosa fuori dall’ordinario. Patrizia pensa spesso a come le sarebbe facile trasformare quella moltitudine…

Leggi tutto
Articoli correlati
Fiaba Bianca
27 ottobre 2018
Acque dell’Acheronte di Julio Herrera y Reissig
22 ottobre 2018
Cereali al neon – Sergio Oricci
12 ottobre 2018
Crapula Edizioni

Le vite parallele

Io sono quello che sono. Sono Enrico Truman. E sono scopato, penetrato da questa Crisi scomunicata. Come un nero musulmano che stupra una nera cristiana. Nella crisi rotolo come pietra nella frana. Scivolo e uccido nella Crisi come il gas di notte nelle gole dei poveri cristi senzaddio. Sottomesso, mi muovo nella Crisi esplodendo e dilaniando il mio piccolo corpo di bambino in un supermercato. Mi muovo nella Crisi come un quindicenne sparatore professionista già morto ammazzato. Risolvo la Crisi…

Leggi tutto
Articoli correlati
Nostro fratello Timoteo è stato messo in libertà
14 novembre 2018
Artico nero e Neghentopia di Meschiari: dall’antropofiction alla fiction
5 novembre 2018
Come tutti gli altri
24 ottobre 2018
Crapula Edizioni

Santuario

La testa di leone ruota su sé stessa. Gli scricchiolii del calcare. Il gorgoglio d’acqua salata che sale dagli interstizi del marmo. Mi muovo verso di lei, ogni passo è lunare. Un silenzio nero come un tappeto mi spinge verso il basso, la mia forza è annichilita. Faccio il breve tragitto in non meno di cinque minuti. Arrivato davanti alla statua, ne apprezzo l’inaspettata levigatezza, i dettagli, le rifiniture intatte. La testa di leone torna a girare; una piccola corrente…

Leggi tutto
Articoli correlati
Come se ti avessero tagliato una gamba
19 novembre 2018
L’orto asociale
17 novembre 2018
L’invenzione delle tasche
16 novembre 2018
Lupus in Crapula

Cambio di funzione

La letteratura non rispecchia nulla. Fa un’altra cosa. R. P.   Kafka precursore di Cesare Nel vocabolario critico, la parola precursore è indispensabile, ma bisognerebbe purificarla da ogni significato di polemica o rivalità. La tradizione, altra parola ineludibile, è l’annullamento della freccia del tempo da un punto A verso un punto B, sebbene si perseveri a insegnare proprio questa univocità, non il suo contrario. Il fatto è che ogni scrittore crea i suoi precursori. La sua opera modifica la nostra…

Leggi tutto
Articoli correlati
Apparato di sabotaggio: la prospettiva degli Scoliasti
2 novembre 2018
Affocus sicuro?
1 ottobre 2018
Nel continuo tentativo di riposizionamento rispetto all’ignoto
27 settembre 2018
letteratura e altri buchi

Artico nero e Neghentopia di Meschiari: dall’antropofiction alla fiction

Il pensiero. Matteo Meschiari (1968) è poeta e narratore, ma innanzitutto uno studioso di antropologia e di geografia che da anni pubblica saggistica su wilderness, paesaggio, spazi – Liguori, Meltemi, Mucchi, Quodlibet, Sellerio e altre, le case editrici. Questi stessi temi, infatti, si riversano nei versi e nella prosa, nella letteratura, senza patire il salto di campo e ampliando il target di lettori: Meschiari racconta storie, anche quando affronta concetti, e questione di vitale importanza, per lui, è continuare a…

Leggi tutto
Articoli correlati
Nostro fratello Timoteo è stato messo in libertà
14 novembre 2018
Le vite parallele
10 novembre 2018
La natura cangiante della bellezza umana
26 ottobre 2018
Crapula Edizioni

La patente

A trent’anni decido di prendere la patente. È tardi, lo so. La responsabile dell’iscrizione scruta il mio documento con aria sospetta, poi, stupita o schifata o entrambe le cose, me lo restituisce. “Ah, ma lei è già maggiorenne!” Probabilmente dovrei ridere, ma non mi fa ridere per niente. Pago e me ne vado. Le lezioni di teoria sono divise in quattordici incontri secondo un sistema troppo complesso da capire, per cui ogni terzo giorno del mese viene ripetuto un argomento,…

Leggi tutto
Articoli correlati
Come se ti avessero tagliato una gamba
19 novembre 2018
L’orto asociale
17 novembre 2018
L’invenzione delle tasche
16 novembre 2018