Categoria

Internacional

Internacional

Parodia, esasperazione e degradazione: Alberto Laiseca, lettore di Borges

Selezione degli estratti dall’originale e traduzione a cura di Federica Arnoldi e Alfredo Zucchi. * Una questione di gerundi Uno dei primi episodi di mitizzazione di Alberto Laiseca deriva da un aneddoto, sicuramente apocrifo, tuttavia emblematico se consideriamo la sua portata simbolica: interrogato su Uccidendo nani a bastonate[1] dell’allora quasi sconosciuto Laiseca, Jorge Luis Borges affermò che non avrebbe mai letto un libro con un gerundio nel titolo. Un certo codice purista dello stile e del buon gusto ha conferito…

Leggi tutto
Articoli correlati
Saer, Aira, Laiseca: tre momenti della letteratura argentina
29 Novembre 2019
La finzione Laiseca
29 Novembre 2019
L’assurdo universo di Alberto Laiseca
26 Novembre 2019
Internacional

Saer, Aira, Laiseca: tre momenti della letteratura argentina

Selezione dall’originale e traduzione a cura di Loris Tassi. * L’eredità di Saer È molto difficile imitare il respiro di Saer per uno che non sia asmatico. Frasi ora lunghe, ora brevi, separate da virgole. Nel costruire la sua prosa Saer segue una metrica e una cadenza, un ritmo e un tempo particolari. Per i suoi romanzi Saer reinventa la sintassi e predilige un tono che rimanda ai ricordi. Saer costruisce le frasi adeguandole alla lunghezza del suo respiro. Molti…

Leggi tutto
Articoli correlati
Parodia, esasperazione e degradazione: Alberto Laiseca, lettore di Borges
1 Dicembre 2019
La finzione Laiseca
29 Novembre 2019
L’assurdo universo di Alberto Laiseca
26 Novembre 2019
Internacional

La finzione Laiseca

Traduzione a cura di Maria Cristina Cavassa. In Laiseca 2017, 121-131 (postfazione a È il tuo turno); per gentile concessione dell’editore. * Sono passati quarant’anni dalla pubblicazione del primo romanzo di Alberto Laiseca, È il tuo turno. Ancor prima, nell’agosto del 1973, il suo racconto Mi mujer compariva sul giornale «La Opinión» sotto lo pseudonimo di Dionisios Iseka. È il tuo turno è il romanzo con cui si presenta ai lettori uno scrittore che, tra estraneità e astuzia, mette in…

Leggi tutto
Articoli correlati
Parodia, esasperazione e degradazione: Alberto Laiseca, lettore di Borges
1 Dicembre 2019
Saer, Aira, Laiseca: tre momenti della letteratura argentina
29 Novembre 2019
L’assurdo universo di Alberto Laiseca
26 Novembre 2019
Internacional

I lettori di Laiseca

Traduzione a cura di Maria Cristina Cavassa. In “Alberto Laiseca: Tensiones en el realismo delirante y su relación con la crítica literaria argentina. Un abordaje discursivo de su propuesta estética y ética” tesi di dottorato di Maria Celeste Aichino per l’Universidad Nacional de Cordoba, 2017. * Com’è fortunato il lettore di autori: ogni nuovo libro, quando gli porta qualcosa di nuovo, una nuova variazione della stessa cosa, gli offre di incontrare ancora l’affascinante prima volta della scoperta di un mondo…

Leggi tutto
Articoli correlati
Parodia, esasperazione e degradazione: Alberto Laiseca, lettore di Borges
1 Dicembre 2019
Saer, Aira, Laiseca: tre momenti della letteratura argentina
29 Novembre 2019
La finzione Laiseca
29 Novembre 2019
Internacional, letteratura e altri buchi

Los sorias – Capitolo 1

Di Alberto Laiseca, traduzione a cura di Raul Schenardi; per gentile concessione dell’editore Simurg. * “I nemici di stanza” Quando Personaggio Iseka aprì gli occhi quella mattina, la prima cosa che vide fu un Soria. Ma non Luis, quello che aveva vicino, bensì il più lontano: Juan Carlos Soria. «Questo Soria, quando si alza la mattina», pensò Iseka «lo fa alla maniera di una lezione magistrale, senza discussione, come si usava nelle facoltà in passato. Ottimista d’un balzo. Io no….

Leggi tutto
Articoli correlati
Parodia, esasperazione e degradazione: Alberto Laiseca, lettore di Borges
1 Dicembre 2019
Saer, Aira, Laiseca: tre momenti della letteratura argentina
29 Novembre 2019
La finzione Laiseca
29 Novembre 2019
Internacional

Sortita

Ringraziamo Safarà Editore per averci concesso di pubblicare in anteprima il racconto “Sortita” di David Hayden, tratto dalla raccolta “Il buio a luci accese” in uscita giovedì 18 aprile 2019. *** Ne è passato di tempo da quando sono saltato giù dal cornicione. Ho liberato la scrivania e salvato le cose importanti su una pennetta che tenevo nel taschino. Tutto il resto: cancellato. Ho individuato una finestra da cui, dopo ripetuti tagli, ho ricavato un’apertura e sono uscito sopra un…

Leggi tutto
Articoli correlati
A posto così
18 Maggio 2018
Sarah Manguso: il suicidio archiviato
7 Dicembre 2017
Micromenippea #2 – L’interstizialità del bene [corridoi disumanitari bis]
16 Giugno 2017
Internacional

La morte di Raimundo

La madre di Raimundo non era mai riuscita a comprendere la morte del figlio. La prima volta che andai a farle visita avrà avuto circa sessantacinque anni. Era una signora asciutta e delicata, come un ramo sul punto di piegarsi. I suoi occhi, come quelli di Raimundo, erano di un colore indefinito. Un colore che poteva benissimo essere quello del miele o del caffè chiaro. I capelli, finissimi, erano bianchi, e quella notte, sotto la luce della lampadina, apparivano leggermente…

Leggi tutto
Articoli correlati
Parodia, esasperazione e degradazione: Alberto Laiseca, lettore di Borges
1 Dicembre 2019
Saer, Aira, Laiseca: tre momenti della letteratura argentina
29 Novembre 2019
La finzione Laiseca
29 Novembre 2019
Internacional

La società

di Virginia Woolf Ecco come tutto ebbe inizio. Un giorno, dopo il tè, sei o sette di noi erano sedute. Alcune avevano lo sguardo rivolto in strada alle vetrine del negozio di cappelli dove la luce ancora metteva in risalto piume rosse e ciabatte dorate. Altre costruivano pigramente torrette di zucchero sul bordo del vassoio da tè. Dopo poco, se non ricordo male, ci sedemmo attorno al camino e iniziammo come di consueto a lodare gli uomini: com’erano forti, nobili,…

Leggi tutto
Articoli correlati
Necrologio di Milena Jesenská per Franz Kafka
20 Novembre 2016
Ô Metis V, Invenzione
9 Luglio 2015
Tesi sul racconto
26 Novembre 2014
Internacional

Matrioska. Microfinzioni

Ringraziamo Gilda Manso per averci concesso di tradurre quattro microfinzioni dal suo volume inedito Flora y Fauna. Antología personal de Microficción (Textos Intrusos/Micrópolis, 2015). Traduzione di Ersilia Tomoe. *** Il Maestro Come un’oasi nel deserto, la bambina aveva un uccellino. A lui donava amore e attenzioni, a lui si rivolgeva nel momento di rimettere l’anima in qualcosa che non fosse il dolore cieco che soleva dominarla. L’orco la tormentava, ma le aveva permesso di tenere l’animale in quanto supponeva che, una…

Leggi tutto
Articoli correlati
6x6x6 – Variazioni Jorge
19 Giugno 2019
6x6x6 – Variazioni Ernest
19 Aprile 2019
6x6x6 – Variazioni Augusto
25 Febbraio 2019
Internacional

F. Kafka – Lettere a Milena, p44

[Cartolina, timbro postale: Berlin-Steglitz 25/12/1923] [Indirizzato a] Sig.ra Milena Pollak Vienna VII Lerchenfelderstraße 113/5 Cara Milena[1], da molto tempo c’è qui pronto il frammento di una lettera per lei ma non riesco a continuarla, anche qui i vecchi dolori mi hanno scovato, attaccato e un po’ abbattuto, e ogni cosa mi causa fatica, ogni colpo di penna, qualsiasi cosa io scriva, mi sembra troppo magnificente, sproporzionato rispetto alle mie forze e quando scrivo “cordiali saluti”, questi saluti hanno davvero la…

Leggi tutto
Articoli correlati
Parodia, esasperazione e degradazione: Alberto Laiseca, lettore di Borges
1 Dicembre 2019
Saer, Aira, Laiseca: tre momenti della letteratura argentina
29 Novembre 2019
La finzione Laiseca
29 Novembre 2019