Parodia, esasperazione e degradazione: Alberto Laiseca, lettore di Borges

Selezione degli estratti dall’originale e traduzione a cura di Federica Arnoldi e Alfredo Zucchi. * Una questione di gerundi...

Saer, Aira, Laiseca: tre momenti della letteratura argentina

Selezione dall’originale e traduzione a cura di Loris Tassi. * L’eredità di Saer È molto difficile imitare il respiro...

La finzione Laiseca

Traduzione a cura di Maria Cristina Cavassa. In Laiseca 2017, 121-131 (postfazione a È il tuo turno); per gentile...

L'assurdo universo di Alberto Laiseca

In Laiseca 2013. A Edizioni Arcoiris si devono: Laiseca 2016 e Laiseca 2017 b. * E per quindici giorni...

Rassegna di barbarie e deliri: la rappresentazione dell’orrore nei racconti e nei romanzi di Alberto Laiseca

In un’intervista rilasciata a Gabriela Cabezon Camara Alberto Laiseca racconta di un’infanzia spaventosa, vissuta “agli ordini contraddittori di un...
Internacional
Parodia, esasperazione e degradazione: Alberto Laiseca, lettore di Borges
Internacional
Saer, Aira, Laiseca: tre momenti della letteratura argentina
Internacional
La finzione Laiseca
letteratura e altri buchi
L'assurdo universo di Alberto Laiseca
letteratura e altri buchi
Rassegna di barbarie e deliri: la rappresentazione dell’orrore nei racconti e nei romanzi di Alberto Laiseca
letteratura e altri buchi

Sciopero del racconto – #1 comunicato: COS’È QUESTO GOLPE?

Discioltosi il Direttorio come miraggio nella notte, facendone noi le veci in CrapulaClub (dal 1 luglio 2019 de iure, ma non prendiamoci in giro: dall’11 settembre 2001), aderiamo (come collant all’alba) all’iniziativa di Nuova Edizione: da oggi sabato 12 ottobre 2019 è sciopero del racconto. Chi volesse scrivere forme brevi ci segua nel DOJO di Caianello (6 volte l’anno invece in quello di San Lollo). Chi volesse visualizzare il comunicato di Nuova Edizione in pdf clicchi invece sulla parola GOLPE.    …

Leggi tutto
Lupus in Crapula

Istruzioni per CrapulaClub, 2008[10]-†2019†

Pudenda origo, pudendus finis[1] (su un muro di Vacca Pezzata) *** Un tempo, se ben ricordo *** Quando di ritorno dalle schiere degli aborti di senso (frammento di frammento, primo vagito nella lingua dei Titani)[2] *** Ogni idea, spinta all’estremo, è un pensiero della morte. (Godersi il pianto 1. Il caso di Achille ai giochi per Patroclo chiappe d’oro, T.W. Omero) *** Un lungo travaglio ha preceduto – ai posteri si demanda la realizzazione di ogni teleologia, agli aruspici e…

Leggi tutto
Lupus in Crapula

Tre versioni di Teofrasto

Il postino bussa sempre a Teofrasto: prefigurazione di Gomez.   Istruzioni preliminari.  Disseppellita la biblioteca di Aristotele, i libri di filosofia prima sono rinvenuti dopo i libri sulla fisica (meta ta fusika) (cfr. Luciano Canfora, La biblioteca scomparsa, Sellerio, 1986). Tuttavia ascoltiamo i posteri: “I posteri diedero all’espressione significati ben più pregnanti e profondi” (Giovanni Reale nell’introduzione alla Metafisica, Bompiani, 2000, p. IX). Ricordiamo, in merito ai significati “più pregnanti e profondi” (sopra-sensibile, anti-mondo, sopra-fisica), che nessun greco antico ha…

Leggi tutto
Articoli correlati
Al Direttorio, discioltosi in data 30 giugno 2019
18 Novembre 2019
The river man
10 Febbraio 2017
Metafisica, critica, fenomenologia
14 Settembre 2015
Crapula Edizioni

Huìkě

È bene parlare solo quando si deve dire qualcosa che valga più del silenzio. Abate Dinouart, L’arte di tacere   Il refolo di aria gelida che soffia poi smuore. L’attimo di quiete prima del nuovo buffare del freddo. Sul versante settentrionale del monte Sōngshān, a qualche giorno di cammino dalla capitale. Una parete bianca. Neve finissima. Il rituale dell’inverno. L’edificio centrale dello Shàolín-sì è un corpo di carne e sangue. Il viso indigeno, immobile. Una struttura ferma nell’eternità, un’ossatura senza…

Leggi tutto
Articoli correlati
Spazzaturaburger
17 Giugno 2019
Emme come Marta
24 Maggio 2019
Conversazioni con gli Sciamani – Donato Novellini
10 Maggio 2019
Crapula Edizioni

Rerum Habyssalium Archivum

Scoviamo nell’internet e ripubblichiamo questa cosa, probabilmente uno scherzo o un’operazione al limite dello shitposting. Il nome sembrerebbe essere Rerum Habyssalium Archivum, sive Opera Minor: Archivio di Cose Abissali, ovvero l’Opera Minore. Vengono presentate come intercettazioni satellitari e, nonostante la qualità compromessa, se ne riesce a cogliere l’autorità della forma-voce, che attraverso una narrazione rituale agisce e di quello che pare un delirio di violenza – e di liberazione e rinascita: terrificante, come tale – fa storiografia. Di fatto sono…

Leggi tutto
Articoli correlati
Nel continuo tentativo di riposizionamento rispetto all’ignoto
27 Settembre 2018
Maurice Blanchot e l’esperienza della scrittura
17 Febbraio 2018
Idiot Verse
8 Gennaio 2018
Crapula Edizioni

6x6x6 – Variazioni Jorge

Qui davanti avete un cubo magico. Proprio un cubo di 6 facce: su ognuna di esse, 6 poligoni; ogni poligono ha esattamente 6 lati. Un cubo impossibile – queste le premesse.  Prima faccia: Variazioni Augusto – è qui. Seconda faccia: Variazioni Ernest al link. Terza e ultima faccia: vedi sotto. *** Jorge Luis Borges scriveva solo racconti. Ha scritto quasi solo racconti: quasi. Quel quasi fa una grande differenza. Borges, si sa, era anche un poeta. Ma non è questo il punto:…

Leggi tutto
Articoli correlati
6x6x6 – Variazioni Ernest
19 Aprile 2019
6x6x6 – Variazioni Augusto
25 Febbraio 2019
Variazione sul tema del ritorno
11 Febbraio 2019
Crapula Edizioni

Spazzaturaburger

Chiedere a una donna di uscire con te non è la cosa più facile del mondo. Primi appuntamenti spesso finiscono come ultimi appuntamenti. La storia diventa ancora più problematica se dici a una appena incontrata che fai il netturbino. Nutrivo speranze con Wanda Melton perché ci conoscemmo attraverso lo smaltimento di rifiuti. Wanda si sporse dalla finestra una mattina presto e fischiò. Indossava una camicia da notte di garza e basta. Non era più giovanissima. Mi chiese di venire di sopra…

Leggi tutto
Articoli correlati
Huìkě
24 Giugno 2019
Emme come Marta
24 Maggio 2019
Il capolavoro
8 Maggio 2019
letteratura e altri buchi

Fratello minore

Fratello minore. Sorte, amori e pagine di Peter B. (2018, Arkadia editore, collana Senza rotta, a cura di Marino Magliani e Luigi Preziosi) è la biografia, libera e al contempo letterale, di Peter Brasch (Cottbus, 1955 – Berlino, 2001), un autore poco noto in Germania, il suo paese, e sconosciuto in Italia. L’ha scritta Stefano Zangrando – studioso, critico letterario, traduttore e insegnante nato a Bolzano (e a Berlino, perché se ci riconoscessero la cittadinanza anche nei luoghi dei nostri…

Leggi tutto
Articoli correlati
Nel continuo tentativo di riposizionamento rispetto all’ignoto
27 Settembre 2018
René Avilés Fabila. Mostri, gabbie e labirinti
21 Aprile 2018
letteratura e altri buchi

Vous êtes un vilain garçon

Si racconta che Simone de Beauvoir rispose così [“Vous êtes un vilain garçon”] al click della macchina fotografica usata da Art Shay che in quel momento le stava scattando una foto senza chiedere il permesso. Lei non chiuse la porta, non si ribellò, quella frase fu la sua unica risposta. Oggi quella foto può essere considerata simbolo di tutta la filosofia del corpo di una delle più grandi donne del ‛900. Ma perché e come una foto può rappresentare il…

Leggi tutto
Articoli correlati
La passeggiata. Robert Walser
18 Febbraio 2019
Il limite della parola davanti all’immagine
30 Maggio 2018
I fantasmi fotografici di Balzac
31 Marzo 2018
letteratura e altri buchi, Senza categoria

A colloquio con Jonathan Bazzi

Andrea Zandomeneghi: Febbre presenta una scrittura matura: asciutta, affilata, priva dei virtuosismi e degli orpelli narcisistici tipici dell’esordiente. Come sei arrivato a costruirla? In particolare quanto e in che maniera le collaborazioni con Gay.it, The Vision, Vice e Il Fatto hanno fatto maturare la tua prosa e la tua visione delle cose? Jonathan Bazzi: La mia scrittura è cambiata molto nel corso del tempo. Cinque, sei anni fa – periodo in cui, incapace di darmi possibilità più concrete, mi sono…

Leggi tutto