Tag

distopia

Interviste

La letteratura italiana è ancora viva. Intervista a Michele Vaccari

Michele Vaccari è editor e scrittore. Una cosa che ho notato è che Vaccari, rispetto ai più e anche rispetto a me, ha una visione positiva dell’attuale panorama letterario italiano. Non che io pensi ci sia il vuoto totale, anzi; penso, semplicemente, vi sia un abbassamento della qualità e della quantità rispetto alla nostra tradizione, che vi siano meno eccellenze rispetto a qualche decennio fa. Molti pensano che non ci sia quasi nulla di interessante. Qualcuno pensa addirittura che il…

Leggi tutto
Articoli correlati
I comunicanti
20 Febbraio 2019
La minaccia dell’anfibio
15 Febbraio 2019
La chiave
11 Gennaio 2019
Crapula Edizioni

Vincitori

Con il termine Televisismo si designa un’eterogenea corrente letteraria nata in Italia alla fine del XX secolo. I televisivisti erano soliti inserire nelle loro narrazioni più o meno espliciti riferimenti alla televisione e alla sua influenza sulla società, in particolare quella italiana, spesso in associazione con esperienze di vissuto infantile. Coniato nel 2019 dal critico Arturo Sgarrelli nel volume La letteratura contemporanea e il modello dei media in Italia, il termine televisivismo ha nei primi tempi una connotazione neutra. Secondo…

Leggi tutto
Articoli correlati
Le sette segrete del Lete
18 Gennaio 2019
Forme brevi – Dossier Piglia
6 Gennaio 2019
La sovraccoperta
15 Dicembre 2018
Interviste

Intervista a Antoine Volodine

Nell’ultimo numero della nostra rivista online Ô Metis, Luca Mignola e Antonio Russo De Vivo hanno intervistato lo scrittore di lingua francese Antoine Volodine. L’intervista è stata tradotta da Giuseppe Girimonti Greco. *** Antonio Russo De Vivo: Come definirebbe il concetto di “distopia”? E perché scrivere una distopia oggi? Può essere utile per la società contemporanea? Antoine Volodine : Per rispondere alla sua domanda ho dovuto consultare il dizionario alla voce «distopia». Personalmente, non ho mai ho mai inteso scrivere dei testi…

Leggi tutto
Articoli correlati
I comunicanti
20 Febbraio 2019
Variazione sul tema del ritorno
11 Febbraio 2019
L’eroe tra psicanalisi, società e scrittura: da Campbell a Vogler
21 Gennaio 2019
Crapula Edizioni, Filologicon Crapula, Internacional, letteratura e altri buchi, Lupus in Crapula

Ô Metis VI, Farsalia

Ancora, dite voi? Sì, di nuovo: finché uno respira non è detto che sia finita. Ô Metis VI, Farsalia Pharsalia è il poema della guerra civile romana, del disfacimento della repubblica, cantato da Lucano. Poi viene la “farsa”, la commedia; infine c’è l’orizzonte distopico: l’eroe e la fine del mondo, l’uomo e la fine di specie. Ci sono cose che si possono raccontare e cose che non si possono raccontare. Da qui in poi è chiaro che si sta avvicinando…

Leggi tutto
Articoli correlati
I comunicanti
20 Febbraio 2019
Forme brevi – Dossier Piglia
6 Gennaio 2019
Cani post-empatici dall’alba al tramonto del terzo millennio
5 Dicembre 2018
Crapula Edizioni

Le logiche pesanti

[NdA: Il seguente racconto di fantasia prende le mosse da un fatto reale avvenuto alla fine del luglio 2016. Notizie al riguardo sono reperibili qui: http://bari.repubblica.it/cronaca/2016/07/30/news/lecce_obesi-145074439/ Alcuni nomi di persona sono stati cambiati dall’accorto curatore ARDV per evitare alla rivista fastidiose ripercussioni legali. L’autore, da parte sua, avrebbe tratto dall’evenienza molto divertimento.] Il generale diede l’ordine al suo popolo-esercito di fermarsi. Si trovavano in una piana di terra compatta e all’apparenza arida, circondata da colline. Pochi arbusti secchi contribuivano a…

Leggi tutto
Articoli correlati
I comunicanti
20 Febbraio 2019
La minaccia dell’anfibio
15 Febbraio 2019
La chiave
11 Gennaio 2019