Author Archive

F. Kafka – Lettere a Milena, p30

[Praga, 4-5 agosto 1920] Mercoledì sera Ora[1], intorno alle dieci, ero in ufficio, il telegramma era lì, arrivato così rapidamente, che quasi potevo dubitare che fosse la risposta al mio telegramma di ieri, ma c’è scritto: spedito il 4 VIII alle 11. Si trova lì dalle sette, quindi sono bastate otto ore. Leggi

F. Kafka – Lettere a Milena, p29

[Praga, 29 luglio 1920] Giovedì Un bellissimo biglietto[1], quello di Staša. Ma non si può dire che in questo biglietto lei fosse diversa da come è adesso, anzi, in questo biglietto lei non c’è nemmeno, lei parla per te, c’è un’unione incredibile tra lei e te, una cosa quasi spirituale, come uno Leggi

F. Kafka – Lettere a Milena, p28

[Praga, 28 luglio 1920] Mercoledì Conosci[1] la fuga di Casanova dai Piombi di Venezia? Sì, la conosci. Di sfuggita, lì viene descritta la più spaventosa forma di prigione, giù nei sotterranei, nel buio, l’umidità, al livello della laguna, stai seduto su una tavola stretta, l’acqua quasi ti raggiunge, con la marea sale Leggi

F. Kafka – Lettere a Milena, p27

[Praga, 24 luglio 1920] Sabato È da mezzora che leggo le due lettere[1] e la cartolina (per non dimenticare la busta, mi meraviglio che tutto il reparto della corrispondenza in arrivo non sia salito a scusarsi per te), e solo adesso mi accorgo che rido da tutto il tempo. C’è mai stato Leggi

F. Kafka – Lettere a Milena, p26

[Praga, 20 luglio 1920] Martedì Durante il dettato che oggi mi sono sforzato di fare[1]: Queste lettere brevi e gioiose o perlomeno ovvie come le due di oggi, ed è subito quasi (quasi quasi quasi quasi) foresta, e vento nelle tue maniche e sguardo su Vienna. Milena, come si sta bene accanto Leggi

F. Kafka – Lettere a Milena, p25

[Praga, 19 luglio 1920] Lunedì Tu fraintendi alcune cose, Milena[1]. Primo, non sono così malato e, quando dormo un po’, mi sento bene quasi come mi sono sentito a Merano. Le malattie polmonari, perlopiù, sono le più gentili di tutte, persino in una calda estate. Come mi sarò ridotto nel tardo autunno, Leggi

F. Kafka – Lettere a Milena, p24

[Praga, 15 luglio 1920] Giovedì Di fretta[1], prima di andare in ufficio, volevo starmene zitto, mi ci strozzo da tre giorni e, perlomeno adesso che stai combattendo lì quella spaventosa battaglia, volevo starmene zitto, ma è impossibile, ci sta, è anche la mia battaglia. Forse ti sei accorta che non dormo da Leggi

F. Kafka – Lettere a Milena, p23

[Praga, 14 luglio 1920] Mercoledì Tu scrivi[1]: «Ano máš pravdu, mám ho ráda. Ale F., i tebe mám ráda»[2] – leggo questa frase molto scrupolosamente, parola per parola, mi fermo soprattutto su “i”, è tutto giusto, tu non saresti Milena se non fosse giusto e cosa sarei io se tu non fossi Leggi

F. Kafka – Lettere a Milena, p22

[Praga, 13 luglio 1920] Martedì Ho qui i tuoi due telegrammi[1]; capisco, finché sono state lettere di Jarmila, non hai fatto domande sulla posta di Kramer[2], è tutto a posto, soprattutto non devi assolutamente temere che io faccia qualcosa di mia iniziativa senza prima aver avuto il tuo consenso. La cosa principale, Leggi

F. Kafka – Lettere a Milena, p21

[Praga, 13 luglio 1920] Martedì, un po’ più tardi Come sei stanca[1], nella lettera di sabato sera. Avrei tanto da dire a proposito della lettera, ma alla tua stanchezza oggi non dico niente, sono stanco anche io, per la prima volta dal mio arrivo a Vienna ho davvero la testa torturata dal Leggi