Tag

Livio Santoro

Crapula Edizioni

Le sette segrete del Lete

L’erpete s’estese. Febbre, peste: Mercedes ebbe tremende pene nelle estreme e deste sere. Nel breve rese le penne, decedette, e le venne d’esser cenere. Ebbene, scese nelle fredde melme del Lete e, sebbene fremente, ne emerse. Spense le ferree certezze terrene del sé precedente, e gemette. Stette greve nel vedere selve nere per leghe e leghe. Terre depresse. «Perché me? Perché Mercedes, erede d’eccellente gente perbene, è nelle dense selve delle tenebre peste?». Repente venne Selene, che le fece: «Mercedes…

Leggi tutto
Articoli correlati
Santuario
9 Novembre 2018
Sull’iguaglianza e la liberazione de’ popoli
24 Aprile 2018
René Avilés Fabila. Mostri, gabbie e labirinti
21 Aprile 2018
Crapula Edizioni

Sull’iguaglianza e la liberazione de’ popoli

Assemblea per l’ordinamento e la sollevazione dell’Accademia rivoluzionaria, organo internazionalista permanentemente strutturantesi Napoli, anno XI della Rivoluzione, 21 settembre Comunicazione del Prof. Quintilio Fierro   L’Istoria dell’orbe è primariamente vicenda di popoli, il soggetto è generato poscia, ermeneutica recente, fatta salva l’occorrenza classica su cui non indugeremo oltre non essendo il loco. Esso soggetto è fenomeno de’ malaugurati tempi d’oggi, nostro coevo altrimenti detto, anco di noialtri che gl’avremmo sollazzevoli voltato il guardo, s’avessimo avuto il privilegio dell’arbitrio in simili faccende….

Leggi tutto
Articoli correlati
Le sette segrete del Lete
18 Gennaio 2019
Forme brevi – Dossier Piglia
6 Gennaio 2019
La sovraccoperta
15 Dicembre 2018
letteratura e altri buchi

René Avilés Fabila. Mostri, gabbie e labirinti

Il cibo del vampiro. Era ormai passata la mezzanotte, l’ora dei fantasmi, degli spiriti e delle anime in pena. Il vampiro trascinava lugubre la sua oscura silhouette lungo le strade tra i caseggiati. Si muoveva come fosse ebro, ma in realtà era debole, e la testa gli pesava enormemente: non riusciva a trasformarsi in pipistrello, e così ad andarsene via volando. E quando gli capitava di incontrare qualcuno, durante la notte, prendeva subito a ispezionarlo con gli occhi che gli…

Leggi tutto
Articoli correlati
6x6x6 – Variazioni Jorge
19 Giugno 2019
Fratello minore
14 Giugno 2019
6x6x6 – Variazioni Ernest
19 Aprile 2019
Internacional

Alberto Laiseca – È il tuo turno

È il tuo turno di Alberto Laiseca Titolo originale Su turno, 1976, 2010 Traduzione di Francesco Verde Revisione di Livio Santoro Maria Cristina Cavassa ha tradotto la postfazione di Hernán Bergara Prima edizione dicembre 2017 Edizioni Arcoiris – Collana: Gli eccentrici, a cura di Loris Tassi 136 pagine *** Quella mattina, Juan Carlos Humbolt aveva un incarico pesante. Il più pesante della settimana, in realtà. Ore e ore davanti a un microfono e a una folla di iscritti al Sindacato che pendeva…

Leggi tutto
Articoli correlati
Il giorno della nutria – Andrea Zandomeneghi
7 Febbraio 2019
La tragedia dello sguardo immaturo
28 Gennaio 2019
Le sette segrete del Lete
18 Gennaio 2019
Crapula Edizioni

Vincitori

Con il termine Televisismo si designa un’eterogenea corrente letteraria nata in Italia alla fine del XX secolo. I televisivisti erano soliti inserire nelle loro narrazioni più o meno espliciti riferimenti alla televisione e alla sua influenza sulla società, in particolare quella italiana, spesso in associazione con esperienze di vissuto infantile. Coniato nel 2019 dal critico Arturo Sgarrelli nel volume La letteratura contemporanea e il modello dei media in Italia, il termine televisivismo ha nei primi tempi una connotazione neutra. Secondo…

Leggi tutto
Articoli correlati
L’ultima notte della gazzella
27 Maggio 2019
Anita
13 Maggio 2019
La cosmologia dell’assenza
3 Maggio 2019
Crapula Edizioni

Farharhar

I. Nomadi I nomadi del Farharhar credono che non esistano cose definitive e fisse, perché le aborrono, e confidano fermamente nell’oblio. Vivono infatti nell’eterna ripetizione del dissimile, in una sequenza illimitata di Cicli incomparabili. Il loro Sovrano siede perennemente al centro esatto della Capitale. Quando muore uno, muore l’altra. Il suo corpo viene allora bruciato, la Capitale distrutta e abbandonata. Una nuova Capitale è fondata altrove, attorno al nuovo Sovrano, perché sia centro e cominciamento del Ciclo successivo. Dall’istante convenzionale…

Leggi tutto
Articoli correlati
Huìkě
24 Giugno 2019
Spazzaturaburger
17 Giugno 2019
L’ultima notte della gazzella
27 Maggio 2019
Crapula Edizioni, Internacional, letteratura e altri buchi

Dossier sul racconto

Questo è un approfondimento sul racconto come forma letteraria, e sul fantastico come genere – un approfondimento sull’asse della letteratura latinoamericana. L’ossessione guida la coppia Mignola-Zucchi in questi luoghi da anni ormai, noi possiamo solo assecondarla. Ad accompagnarli in questa discesa: Carlos Dámaso Martínez, Norberto Luis Romero, Livio Santoro e Dajana Morelli (oltre agli spettri ormai immancabili di Pierre Menard e Loris Tassi). Il dossier si articola intorno a due articoli di taglio saggistico (Il sequestro del lettore e Derive del racconto breve…

Leggi tutto
Articoli correlati
L’ultima notte della gazzella
27 Maggio 2019
Anita
13 Maggio 2019
La cosmologia dell’assenza
3 Maggio 2019
letteratura e altri buchi

Bagliori estremi e microletteratura ai tempi del web 2.0

[Questo articolo è stato pubblicato in Ô Metis di CrapulaClub, numero IV, Forme brevi, novembre 2014, pp. 44-47] La narrativa ai tempi dei social network si presterebbe alla brevità, alla miniatura. Giulio Ferroni, in Scritture a perdere. La letteratura negli anni zero, diceva “a me sembra che la forma ‛breve’ del racconto, guardato spesso con sospetto dagli editori, sia oggi la più adatta a toccare la frammentarietà e la pluralità dell’esperienza, a scavarne il senso con tensione linguistica ed espressiva”…

Leggi tutto
Articoli correlati
Huìkě
24 Giugno 2019
6x6x6 – Variazioni Jorge
19 Giugno 2019
Spazzaturaburger
17 Giugno 2019