Tag

Poe

Interviste

Una possibilità del linguaggio – Intervista a Alberto Chimal

“Bisognerebbe dire che tutta la letteratura è fantastica.” (J. L. Borges, Prefazione alla prima edizione italiana, Einaudi, 1980 in Borges, Bioy Casares, Ocampo, Antologia della letteratura fantastica, Einaudi, 2007) Alfredo Zucchi: Se dovessi scegliere una parola per descrivere il fantastico, direi vertigine – cosa diresti tu? E cos’è, soprattutto, il fantastico? Alberto Chimal: Direi immaginazione, che contiene la possibilità della vertigine e molte altre. Per me il fantastico è una possibilità del linguaggio: quella di formulare domande riguardo alla realtà, esplorando…

Leggi tutto
Articoli correlati
6x6x6 – Variazioni Jorge
19 Giugno 2019
Alienati nell’analogia
16 Aprile 2019
Sospensione
7 Marzo 2019
letteratura e altri buchi

Nove – Chimal

In una recente intervista a Carlos Dámaso Martínez si è discusso, tra le altre cose, dell’avvenire del genere fantastico – di come, ad esempio, la science-fiction abbia finito per occupare il suo campo d’azione. Lo scrittore argentino si è mostrato preoccupato nel non veder apparire tracce di rinnovamento del genere. In realtà, l’evoluzione e il rinnovamento del fantastico era già davanti ai nostri occhi, ma noi non vi avevamo posto sufficiente attenzione. A gennaio 2017 Arcoiris ha portato in Italia…

Leggi tutto
Articoli correlati
Indagine su Quadrato
29 Marzo 2019
A colloquio con il morto
12 Febbraio 2019
Forme brevi – Dossier Piglia
6 Gennaio 2019
letteratura e altri buchi

Sulle tracce di Auguste Dupin

Rustin Cohle o il linguaggio della cifra La prima questione riguarda il linguaggio della cifra (E.A. Poe, Lo scarabeo d’oro) La prima stagione di True Detective di Nick Pizzolatto si apre con le immagini di una ragazza inginocchiata ai piedi di un albero secolare nei campi della Louisiana, gli arti superiori e inferiori legati, pugnalata e stuprata a morte, la testa coronata di corna di cervo. Martin Hart e Rustin Cohle, detective della polizia statale della Louisiana assegnati al caso, si recano sul luogo per una prima…

Leggi tutto
Articoli correlati
Incipit tragoedia, quando?
23 Febbraio 2019
Cave canem: Gli iniziati
23 Aprile 2018
Let’s rock
7 Febbraio 2018
letteratura e altri buchi

Senza-Io: Diorama

Che cos’è Diorama, esordio di Marco Magurno (Il Saggiatore, 2016)? Come nella funzione d’onda, il libro è solo una delle varie forme che il Diorama può assumere – probabilmente nemmeno la più consona alla sua natura. Eppure il libro Diorama si lascia divorare per intero in due ore, la prima volta. Il trionfo dell’immagine Come in Etere divino (Genna-Gentile, Il Saggiatore, 2015[1]) l’elemento narrativo in Diorama è deposto in favore di qualcos’altro. Il primo indizio è in apertura del libro e…

Leggi tutto
Articoli correlati
La tragedia dello sguardo immaturo
28 Gennaio 2019
Il diario e il suo doppio
21 Giugno 2018
Una possibilità del linguaggio – Intervista a Alberto Chimal
7 Novembre 2017
letteratura e altri buchi

Panorama

Mi arrischio: Panorama di Tommaso Pincio (NN editore, 2015), per il suo stile piano e fluido, il tono leggero e insieme mai banale, per lo sguardo ampio eppure misurato, per il gioco realtà-finzione privo di toni apocalittici, non sembra un libro italiano. Di più: nonostante i legami, stretti ed evidenti, che Pincio (a partire dal nome) intrattiene con la cultura e la letteratura nordamericana, mi sembra che il suo ultimo lavoro si avvicini invece alla tradizione del romanzo breve latinoamericano,…

Leggi tutto
Articoli correlati
Nostro fratello Timoteo è stato messo in libertà
14 Novembre 2018
Matrioska. Microfinzioni
12 Giugno 2018
Let’s rock
7 Febbraio 2018
Lupus in Crapula

Serendipity

«Il mio modo di vedere la cosa è che non esista nessun metodo logico per avere nuove idee, e nessuna ricostruzione logica di questo processo. Il mio punto di vista si può esprimere dicendo che ogni scoperta contiene un ‘elemento irrazionale’ o una ‘intuizione creativa’.»  Karl Popper   Le galassie si allontanano, l’universo si espande. Questo ci ha fatto pensare ad un istante iniziale in cui tutto era concentrato in un unico punto di densità infinita. Nella prima era del…

Leggi tutto
Articoli correlati
Una possibilità del linguaggio – Intervista a Alberto Chimal
7 Novembre 2017
Il vuoto. Un reportage
19 Maggio 2017
Nove – Chimal
11 Maggio 2017
Internacional

Tesi sul racconto

di Ricardo Piglia traduzione di Alfredo Zucchi I In uno dei suoi quaderni, Cechov annota quest’aneddoto: «Un uomo, a Montecarlo, va al Casinò, vince un milione, torna a casa, si suicida». La forma classica del racconto è condensata nel nucleo di questa narrazione futura e mai scritta. In opposizione a una struttura prevedibile e convenzionale (giocare-perdere-suicidarsi), la trama qui si pone come un paradosso. L’aneddoto, infatti, tende a svincolare la storia del gioco da quella del suicidio. Questa scissione è…

Leggi tutto
Articoli correlati
Forme brevi – Dossier Piglia
6 Gennaio 2019
La sovraccoperta
15 Dicembre 2018
Cicala
14 Dicembre 2018
letteratura e altri buchi

Bovarismi

 il libro che avrei scritto era quello che ora stavo vivendo   Lo scorso settembre 2013 la televisione pubblica argentina propone uno strano format: una via di mezzo tra una monografia televisiva e un talk-show sulla figura di Jorge Luis Borges, controverso idolo nazionale quasi come Diego Maradona. Il programma si chiama Borges por Piglia, e nel ruolo di narratore, filologo e deus ex machina c’è Ricardo Piglia. In una delle puntate centrali della trasmissione, Piglia racconta il suo primo…

Leggi tutto
Articoli correlati
Forme brevi – Dossier Piglia
6 Gennaio 2019
Cambio di funzione
7 Novembre 2018
Maurice Blanchot e l’esperienza della scrittura
17 Febbraio 2018