letteratura e altri buchi

Il cadavere di Nino Sciarra

È una geografia singolare, familiare e al contempo inconsueta, quella che Davide Morganti delinea in Il cadavere di Nino Sciarra non è ancora stato trovato, Wojtek, gennaio 2019. Due fratelli siciliani, trasferitisi nella provincia di Napoli (Napoli nord), sono morti; il cadavere dell’uno è stato ritrovato immediatamente, quello dell’altro, di Nino, non ancora. L’io narrante ha il compito di cercarne il corpo: è un inganno, non c’è alcuna indagine, nessun caso Sciarra da risolvere, cui sembrerebbe invece alludere il titolo…

Leggi tutto
Articoli correlati
Tu che eri ogni ragazza
21 Novembre 2018
letteratura e altri buchi

Azzurro ideale

Non parlo dei Pink Floyd. Non parlo di Cambridge. Non parlo degli anni Sessanta. Non è una cosa sul rock psichedelico, sulla dietilammide dell’acido lisergico o sulla schizofrenia – reale, presunta, evidente, mai accertata. Non si tratta dello scantinato e non si tratta del pifferaio. Diamante pazzo è solo una metafora, come lo è la storia degli occhi opachi, e neri come buchi neri. Ho appena finito Rosso Floyd ed è evidente che questa cosa nasce da lì. È anche…

Leggi tutto
Crapula Edizioni

Crapula Edizioni: Londonn

Vi presentiamo il secondo intervento di Marco Bruttapasta in questi luoghi (qui il primo). Buona lettura, nos semblables. Cammino come uno sciancato fuori e dentro il mercato di Camden town. Cielo grigio da 10 giorni e mi sto pure un po’ cacando il cazzo, scanso una bancarella con dei funghi magici, magic mushrooms… ma comme me priparo, mica e’ pozzo fa’ cu’ ’na pummarulella? Una scarpa gigante, dal muro di un negozio a momenti mi viene ’ncuoll o accussì mi…

Leggi tutto
Articoli correlati
Al di là delle Mura
8 Aprile 2019
Sospensione
7 Marzo 2019
L’eroe tra psicanalisi, società e scrittura: da Campbell a Vogler
21 Gennaio 2019
letteratura e altri buchi

Gustave Flaubert, Bouvard e Pécuchet

Fu allora che si domandarono in cosa consiste con esattezza lo stile. E, grazie a studi che aveva loro suggerito Dumouchel, appresero il segreto di tutti i suoi generi. Come si ottiene lo stile solenne, quello temperato, l’ingenuo, le frasi nobili, le parole basse. Cani sale di tono con voraci. Vomitare deve essere usato solo in senso figurato. Febbre è un attributo delle passioni. Valore sta bene in versi. «E se componessimo dei versi?», disse Pécuchet. «Dopo! Per il momento…

Leggi tutto
letteratura e altri buchi

Post-mortem – Cuore Cavo, Viola Di Grado

Cuore Cavo, opera seconda di Viola Di Grado (edizioni e/o, febbraio 2013).  La recensione è stata pubblicata per la prima volta nella  rivista Ô Metis, col corredo delle note del Filologo e del Cane.   *** Ha esordito nel 2011 con Settanta acrilico, trenta lana e questo esordio le è valso il Campiello Opera Prima e il Rapallo Carige. Quest’anno ha pubblicato il suo secondo romanzo, più difficile del primo, perché doveva essere quello che ne avrebbe confermato il successo e il…

Leggi tutto
Articoli correlati
Ô Metis 3 – Lavori in corso
6 Marzo 2014
2013 Crapula Excellence Collection
4 Gennaio 2014
Ô Metis, Fuori di sé – Numero II, Settembre 2013
16 Novembre 2013
Articoli correlati
Ô Metis, Fuori di sé – Numero II, Settembre 2013
16 Novembre 2013
A ondate (Lo stimolo e lo sprone III)
18 Gennaio 2013
Articoli correlati
Filologicon Crapula: Esopo, Favole – p10
15 Marzo 2018
Filologicon Crapula: Esopo, Favole – p9
8 Marzo 2018
Filologicon Crapula: Esopo, Favole – p8
1 Marzo 2018
letteratura e altri buchi

Colline come elefanti bianchi

Un’istantanea tesa e sospesa: niente precede, niente può seguire. Una tragedia del silenzio, che si è consumata prima. Ma ciò che è accaduto prima e ciò che sta per accadere, un ingombro continuamente alluso e fatto metafora, occupa tutto il presente del dialogo. È una rimozione. È il non detto intorno al quale ruota la conversazione tra i due. Aspettano un treno in una stazione imprecisata tra Barcellona e Madrid. Bevono e l’aria sa di liquirizia e assenzio. Una progressione,…

Leggi tutto
Articoli correlati
Sospensione
7 Marzo 2019
L’eroe tra psicanalisi, società e scrittura: da Campbell a Vogler
21 Gennaio 2019
Artico nero e Neghentopia di Meschiari: dall’antropofiction alla fiction
5 Novembre 2018
Articoli correlati
Filologicon Crapula: Esopo, Favole – p10
15 Marzo 2018
Filologicon Crapula: Esopo, Favole – p9
8 Marzo 2018
Filologicon Crapula: Esopo, Favole – p8
1 Marzo 2018
Crapula Edizioni, letteratura e altri buchi

Coco Menard. Tramonto d’Africa

Una nuova voce in versi. Un’istantanea straniera, nostalgica, crudele. Tramonto d’Africa di Coco Menard. Che ringraziamo. Sono nulla nella sera di questa terra bruciata dal sole crudele. Spirito guerriero mi chiama dall’abisso. Oggi non risponderò. La sera tenue e rosa sul mare addolcisce con struggente malinconia. Ho nostalgia di posti che non ho mai conosciuto. Ed è triste e dolce pungente e sordo questo desiderio affonda le radici in orizzonti cui non appartengo.

Leggi tutto
Articoli correlati
Al di là delle Mura
8 Aprile 2019
Il messaggero
23 Novembre 2018
Come tutti gli altri
24 Ottobre 2018