Tag

Fantastico

Crapula Edizioni

Il gonfiore

A un primo, approssimativo sguardo, quell’uomo poteva sembrare una persona quanto mai ordinaria. Ed effettivamente, stando a ciò che è manifesto nell’osservare un individuo, quell’uomo non poteva essere giudicato altrimenti. Aveva sessantaquattro anni, una casa spaziosa, un soggiorno luminoso e una libreria a muro ben fornita, una cucina Scavolini – la cucina più amata dagli italiani –, un tapis roulant a otto velocità, una cyclette a quattro marce, una vasca con idromassaggio, un televisore a cinquantotto pollici allacciato a un…

Leggi tutto
Articoli correlati
La sovraccoperta
15 dicembre 2018
Cicala
14 dicembre 2018
Architetture minimali
12 dicembre 2018
Crapula Edizioni

Cani post-empatici dall’alba al tramonto del terzo millennio

Rapporto #1 Questa mattina ha avuto inizio. Ho bussato, il mio uomo mi ha aperto, in posizione seduta ho allungato la zampa, il mio uomo l’ha afferrata e ha posato la sua mano sul mio capo, l’ha strofinata, ha letto il mio nome sulla targhetta, infine mi ha fatto entrare. È andato tutto secondo protocollo. Il mio uomo mi ha dato da bere, mi ha preparato il cibo, mi ha indicato il giaciglio. Il mio uomo non ha dato segnali…

Leggi tutto
Articoli correlati
La sovraccoperta
15 dicembre 2018
Cicala
14 dicembre 2018
Architetture minimali
12 dicembre 2018
Crapula Edizioni

L’invenzione delle tasche

Tutti sognano di volare, di macchiare con la loro piccola ombra le città e le campagne e festeggiare la fuga dalla schiavitù della terra; si innalzano verso le nuvole, le attraversano e proseguono la gloriosa ascensione, per superare i limiti come il famoso gabbiano di un vecchio romanzo. Io invece affondo negli abissi. Mi immergo per centinaia di metri nelle buie profondità dove posso solo intuire le sagome dei pesci abissali, che nuotano indifferenti, mentre continuo a calare nell’oblio di…

Leggi tutto
Articoli correlati
La sovraccoperta
15 dicembre 2018
Cicala
14 dicembre 2018
Architetture minimali
12 dicembre 2018
Internacional

Il rospo

Leopoldo Lugones, Il rospo (El escuerzo), in Las fuerzas extrañas, 1906 (ultima edizione italiana: Le forze misteriose, traduzione di Francesco Verde, Torino, Lindau, 2017). [Il racconto è riportato qui nella traduzione di Marcella Solinas, dall’antologia Racconti ispanoamericani del terrore del XIX secolo, a cura di Lola López Martín, Salerno, Edizioni Arcoiris, Collana Gli eccentrici, 2015, pp. 7-12. Anche la biografia è tratta dall’antologia: pp. 128-29.] ***** Un giorno come tanti, mentre giocavo in campagna nella casa di famiglia, incappai in…

Leggi tutto
Articoli correlati
La sovraccoperta
15 dicembre 2018
Cicala
14 dicembre 2018
Architetture minimali
12 dicembre 2018
letteratura e altri buchi

Le strane forze di Lugones

L’editore Lindau ha riproposto, nella traduzione di Francesco Verde, Le forze misteriose (2017) dell’argentino Leopoldo Lugones – scrittore, giornalista, poeta, teosofo, alchimista. Le forze misteriose (titolo originale: Las fuerzas extrañas) è una raccolta di racconti eterogenei, annoverabile come una delle prime espressioni del fantastico sudamericano. Qual è l’influenza di Borges su Lugones? Non potremmo iniziare in altro modo a parlare di questo libro, se non interrogandoci sull’influenza retrospettiva di Borges in Lugones. Borges riteneva che la forma moderna del fantastico…

Leggi tutto
Articoli correlati
Il gonfiore
7 dicembre 2018
Cani post-empatici dall’alba al tramonto del terzo millennio
5 dicembre 2018
Lo Sgargabonzi: ridere di gusto e «col groppo in gola»
3 dicembre 2018
letteratura e altri buchi

Marcelo Cohen e l’illusione del fantastico

Potremmo considerare borgesianamente l’argentino Marcelo Cohen (1951) come una “vasta e complessa letteratura” fantastica per gli autori che ha tradotto (Bradbury, Ballard, Burroughs, Alasdair Gray e Bernard Quiriny tra gli altri), la sorprendente collana che ha diretto (Línea C presso la casa editrice Interzona), le riflessioni che ha dedicato al genere (il corposo volume ¡Realmente fantástico!, dove c’è un saggio su Dino Buzzati), e soprattutto per i libri che ha scritto negli ultimi tre decenni, opere stimolanti, inventive e coraggiose,…

Leggi tutto
Articoli correlati
Il gonfiore
7 dicembre 2018
Cani post-empatici dall’alba al tramonto del terzo millennio
5 dicembre 2018
Lo Sgargabonzi: ridere di gusto e «col groppo in gola»
3 dicembre 2018
Articoli correlati
La sovraccoperta
15 dicembre 2018
Cicala
14 dicembre 2018
Architetture minimali
12 dicembre 2018
letteratura e altri buchi

Nove – Chimal

In una recente intervista a Carlos Dámaso Martínez si è discusso, tra le altre cose, dell’avvenire del genere fantastico – di come, ad esempio, la science-fiction abbia finito per occupare il suo campo d’azione. Lo scrittore argentino si è mostrato preoccupato nel non veder apparire tracce di rinnovamento del genere. In realtà, l’evoluzione e il rinnovamento del fantastico era già davanti ai nostri occhi, ma noi non vi avevamo posto sufficiente attenzione. A gennaio 2017 Arcoiris ha portato in Italia…

Leggi tutto
Articoli correlati
La sovraccoperta
15 dicembre 2018
Cicala
14 dicembre 2018
Architetture minimali
12 dicembre 2018
letteratura e altri buchi

Derive del racconto breve e fantastico

Che cos’è un racconto fantastico? Non possedendo una risposta che possa circoscrivere i limiti narrativi, linguistici e poetici del genere, ho deciso di seguirne alcuni sviluppi tradotti, dedotti o intuiti dalle opere di scrittori di racconti[1], che consentono di poterne seguire le linee di deriva, per invenire lungo quel percorso, il quale più che definire il genere lo attraversa e continuamente lo supera e lo inventa.  1.       Alchimia del racconto fantastico  a.      Apparenza e immediatezza L’insospettabile Rimbaud chiamato in causa…

Leggi tutto
Articoli correlati
La sovraccoperta
15 dicembre 2018
Cicala
14 dicembre 2018
Architetture minimali
12 dicembre 2018
Filologicon Crapula

Il fantastico prima del fantastico

Luciano di Samosata indiretto precursore del fantastico? Premessa. In qualsiasi epoca la crux desperationis posta accanto al binomio realtà/finzione segnalava l’impossibilità di separare nettamente, pure servendosi dell’aiuto del rasoio di Occam, tale formula ambivalente, anche perché questa era la radice stessa del mondo. Ho detto era, ma potrei benissimo dire è. Sincretismo. La vita di Luciano di Samosata, retore e filosofo del II sec. d. C., è concordemente e tradizionalmente divisa in due periodi, caratterizzati da un risvolto culturale sincretico….

Leggi tutto
Articoli correlati
Il gonfiore
7 dicembre 2018
Cani post-empatici dall’alba al tramonto del terzo millennio
5 dicembre 2018
L’invenzione delle tasche
16 novembre 2018