Tag

Zucchi

Lupus in Crapula

Il vuoto. Un reportage

Questa conversazione è avvenuta per davvero. Il rispetto per la scienza mi ha spinto a non modificare i nomi degli scienziati coinvolti nella vicenda. Per il resto si tratta del sogno guidato, in forma di reportage saggistico, di un parvenu delle scienze naturali.  *** Ci sono tre libri che mi sento di consigliare sulla meccanica quantistica ai profani della scienza come me – siamo tantissimi, fratelli: prendiamoci per mano.  I Sei pezzi facili di Richard P. Feynman (Adelphi, 2000) , Prima…

Leggi tutto
Articoli correlati
Il sacrificio
5 Aprile 2019
Il positivismo inverso di H.P. Lovecraft
4 Marzo 2019
La chiave
11 Gennaio 2019
Crapula Edizioni, Filologicon Crapula, Internacional, letteratura e altri buchi, Lupus in Crapula

Ô Metis VI, Farsalia

Ancora, dite voi? Sì, di nuovo: finché uno respira non è detto che sia finita. Ô Metis VI, Farsalia Pharsalia è il poema della guerra civile romana, del disfacimento della repubblica, cantato da Lucano. Poi viene la “farsa”, la commedia; infine c’è l’orizzonte distopico: l’eroe e la fine del mondo, l’uomo e la fine di specie. Ci sono cose che si possono raccontare e cose che non si possono raccontare. Da qui in poi è chiaro che si sta avvicinando…

Leggi tutto
Articoli correlati
De novis canibus nova naturalis historia
15 Marzo 2019
I comunicanti
20 Febbraio 2019
Forme brevi – Dossier Piglia
6 Gennaio 2019
Lupus in Crapula

A Moon Shaped Dialogue

Non è la prima volta che usiamo il formato tavola rotonda, stavolta però siamo partiti sparati e siamo rimasti sparati per la durata del dialogo, per il vostro e il nostro placer.   Alfredo Zucchi: Identikit è un pezzo per scoparci e piangerci sopra. Quando si apre, è una serie di orgasmi a pioggia che solo alcune donne possono realmente concepire. Ecco, per me che non sono né donna né pluriorgasmica, ci sono voluti vari ascolti – di preferenza in…

Leggi tutto
Articoli correlati
Il vuoto. Un reportage
19 Maggio 2017
Ô Metis VI, Farsalia
25 Ottobre 2016
Filologicon Crapula: Archiloco, trimetri giambici
21 Giugno 2016
Crapula Edizioni

Caccia all’idolo

Mai avrebbe pensato che il suo corpo potesse sostenere uno sforzo così intenso tanto a lungo. Teneva la donna, il volto bendato, sulle spalle, avanzava a passo spedito; la vertigine verde davanti, incontaminata, come un propulsore. La meraviglia verginale, si disse, poi smise di pensare in astratto. Un bosco fitto gli si apriva davanti, il luogo ideale per la preda. Le immagini “darsi alla macchia”, e “imboscarsi”, lo invasero di nuovo — correva ora, la tensione muscolare inverosimile non aveva conseguenze…

Leggi tutto
Articoli correlati
La minaccia dell’anfibio
15 Febbraio 2019
La chiave
11 Gennaio 2019
Tecnologia olandese
9 Gennaio 2019
Crapula Edizioni

Paganini

Nessuno aveva già la fuga nel cuore – nel cuore come a dire in testa, nelle gambe, un ordine già trasmesso dagli emissari della scatola cranica alla periferia degli arti, nel cuore come a dire un lutto in fase di digestione che interessa più il colon che gli organi della circolazione, nel cuore come a dire un equivoco – quando incontrò il Mante e Agathe in piazza. Bardo Marino non c’era, non rispondeva come prima alle sue sollecitazioni, e in…

Leggi tutto
Articoli correlati
La custode
28 Novembre 2018
Lo sai tenere un segreto?
24 Novembre 2018
Nostro fratello Timoteo è stato messo in libertà
14 Novembre 2018
Lupus in Crapula

Intervista Circolare – Borges

Un giorno di primavera Andrea Meregalli, produttore di un famoso lat lit blog, ci manda una mail per proporci di 1 scegliere un macrotema 2 buttare giù una domanda ciascuno 3 rispondere alla domanda nostra 4 rispondere alla domanda degli altri e parlarci addosso come non ci fosse un domani Con sua grande sopresa, la risposta incondizionata è sì. Il macrotema è Jorge Luis Borges e questa è un’Intervista Circolare – la riproponiamo ora su CrapulaClub arricchita delle risposte di…

Leggi tutto
Articoli correlati
6x6x6 – Variazioni Jorge
19 Giugno 2019
Sospensione
7 Marzo 2019
A colloquio con il morto
12 Febbraio 2019
Crapula Edizioni

Il poeta e il neurobiologo

Il miglior amico del poeta, oggi, è il neurobiologo – al punto che si può dire siano la stessa cosa, se non proprio la stessa persona. Io stesso lo sospettavo da tempo, e ieri, assistendo a una conferenza del neurobiologo Samir Zukki, ne ho avuto conferma incontrovertibile. A chi insinua siano solo dicerie, riferite pure quanto segue. Qualche giorno fa, imboscato in una mensa universitaria – ero travestito da studente fuoricorso di biologia – mi sono messo a origliare i…

Leggi tutto
Articoli correlati
Rerum Habyssalium Archivum
21 Giugno 2019
Indagine su Quadrato
29 Marzo 2019
Incipit tragoedia, quando?
23 Febbraio 2019
Crapula Edizioni

Elogio del baccalà

Il pesce dei due mondi.  Al mercato di San Sebastián, nei paesi baschi spagnoli, dove il mussillo va a meno di 5 euro al chilo, si dice che quando i francesi approdarono nel golfo di San Lorenzo, nell’attuale Canada, a inizio XVI secolo, gli indiani irochesi conoscessero già il basco. Ancora: il nono più antico toponimo inglese degli Stati Uniti d’America: Cape Cod (Capo Baccalà). Il nuovo mondo scoperto dai pescatori di bacalao e non dall’uovo di Colombo? A Somma, a…

Leggi tutto
Articoli correlati
Kohlhaas. Partitura a voce alta
18 Giugno 2018
Autotanatografia di una capuzzella
15 Dicembre 2017
L’arte dell’eroismo, di Akbar del Piombo e di chi ne parla
29 Novembre 2017